Immigrazione: "Superare logica campi nomadi per garantire rispetto diritti umani"

“Superare la logica dei campi nomadi”. La dichiarazione è del presidente nazionale del Sei Ugl, Luciano Lagamba, il quale aggiunge: “Se veramente si vuole imprimere una svolta ad una questione che investe la sicurezza dei cittadini, ma, anche e soprattutto, i diritti umani, sociali e civili di migliaia di persone che vogliono vivere dignitosamente e nella legalità, occorre superare le logiche demagogiche dell’emergenza a favore di una alla programmazione più organica”. “Serve quindi un piano di intervento che sia concertato fra ministero degli interni, enti locali e mondo del volontariato e del sindacato che da anni operano a fianco delle popolazioni Rom, Sinti e Camminanti, in quanto è evidente che nessuno può essere lasciato da solo ad affrontare questa situazione, anche in assenza di politiche abitative”. “In tutto ciò – conclude Luciano Lagamba – la chiave di volta è quella della regolarizzazione lavorativa di tutti coloro che oggi sono occupati in attività diverse, si pensi ad esempio alla raccolta differenziata o all’artigianato. È un tema sul quale il sindacato si sta confrontando da tempo con l’Opera Nomadi e che, proprio in questo momento, deve essere rilanciato con forza perché il lavoro rappresenta sempre il primo dei diritti di una persona, la base sulla quale costruire la stabilità della propria famiglia”. (09/02/2011 – ITL/ITNET)



09/02/2011    Direzione Generale (Roma)    Formazione e Orientamento