Comunicato-stampa LE MORTI BIANCHE dei GIOVANI ROM KHORAKHANE’

Innanzitutto chiediamo che l'inchiesta non abbia pregiudizi anche se Andrea Hadzovic era pregiudicato. Chi scrive, da 30 anni assiste a "morti bianche" fra i giovani Rom : non dimentichiamo proprio un giovane dello stesso gruppo di Andrea che a Torino alcuni anni addietro fu ucciso dalla polizia ed i colpi erano tutti nella schiena, cioè stava fuggendo e soprattutto era disarmato...come a Giugliano insomma... Si proceda ad inseguire , a fermare in ogni modo l'eventuale malfattore, ma non si spari ad un uomo disarmato : ci risponda la Ministra Cancellieri che pure ha nominato al Dipartimento Immigrazione funzionari di grande sensibilità. I campi sono portatori di devianza ed ormai ovunque (tranne Napoli e Roma) i Rom khorakhanè vivono in aree autocostruite, o in case proprie o case popolari e, vedi Torino e Toscana, sta iniziando da questo presupposto un percorso di integrazione. Invece , dopo la positiva iniziativa del Ministro Paolo Ferrero, sono stati annullati dai Governi Berlusconi e Monti tutte le voci riguardanti l'avviamento al lavoro delle Comunità Rom... Si continuano ad investire milioni di euro per interventi di polizia e per i campi, e nulla per l'integrazione occupazionale dei Rom e dei Sinti che resta l'unica strada per la vera integrazione di questo popolo, assieme ad una severissima applicazione del dovere/diritto all'obbligo scolastico dei bambini e soprattutto degli adolescenti Rom, laddove anche in questo settore dell'ISTRUZIONE il Governo Monti esita a rinnovare gli impegni assunti con le Comunità Rom/Sinti. In tutta Italia l'Opera Nomadi (di concerto con le Istituzioni Locali e con gli Imprenditori del settore della raccolta dei metalli, nonchè con il Ministero dell'Ambiente) sta cercando di indirizzare la politica sociale per i Rom/Sinti verso il percorso della regolarizzazione dei loro nuovi mestieri, quale appunto quello che svolgeva - fra mille problemi di natura burocratica - il giovane capofamiglia ANDREA HADZOVIC, operaio precario del settore della raccolta differenziata del ferro, che svolgeva con mezzi propri. E' perciò che il 16 Novembre alle ore 10e30 a Palazzo San Giacomo a Napoli si terrà un Seminario sull'integrazione lavorativa delle Comunità Rom di Napoli, Caivano, Giugliano, Agropoli, Eboli, con le Amministrazioni Comunali, l'UNAR Campania ed i Sindacati. Sono stati invitati naturalmente anche i Prefetti di Napoli e Salerno, ciò nello spirito della tradizionale collaborazione dell'Opera Nomadi con tutte le Istituzioni. Il Presidente Nazionale Dr Massimo Converso 339-6421538 -- 340-5527545



08/11/2012    Direzione Generale (Roma)