Sull'assassinio fascista dei due lavoratori senegalesi a Firenze

Condivido pienamente la proposta dei fratelli lavoratori senegalesi di dichiarare fuorilegge realtà come che soltanto nella denominazione ad un convinto e dichiarato fascista come appunto Ezra Pound praticano apologia di reato e che di fatto incitano alla discriminazione razziale. In questo senso manifesto parallelamente la più completa solidarietà al Presidente della Comunità Ebraica Riccardo Pacifici che i fascisti di volevano assassinare. L'Opera Nomadi ritiene che si tratti non di pazzi isolati, ma di contesti in cui si educa all'odio verso le minoranze, per cui l'unico provvedimento che la Ministra Cancellieri può assumere è quello di mettere fuorilegge tutte quelle organizzazioni che rivendicano l'eredità del ventennio fascista. Si guardi bene, per quanto ci riguarda come Opera Nomadi, alle continue campagne di odio razzista contro le popolazioni Rom in Italia condotte dall'altro gruppo denominato . Nel ribadire che l'Opera Nomadi ritiene l'Italia un Paese non razzista, attendiamo risposta su quanto sopra dal Ministro dell'Interno. Massimo Converso Presidente Nazionale Opera Nomadi Si riporta: Ezra Pound Apologeta del fascismo e della Repubblica di Salò Il 30 gennaio del 1933 Ezra Pound riuscì a farsi ricevere a Roma da Benito Mussolini. In quegli anni infatti Pound scriveva <…. dopo l'ultima guerra, con il Fascismo ho notato il rinascimento o ringiovanimento della nazione. Io e mia moglie abbiamo sottoscritto 25mila lire a testa al primo prestito del Littorio…>. Durante il 1940 inizia a trasmettere dalle frequenze dell'EIAR il programma radio «Europe calling, Ezra Pound speaking», diretto ai cittadini americani e inglesi. In tutto tenne circa 600 discorsi prima della deposizione di Mussolini il 25 luglio, in seguito alla quale Pound aderisce alla Repubblica di Salò e si trasferisce a Milano per continuare le sue trasmissioni radio.



16/12/2011    Direzione Generale (Roma)    Habitat